Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Trascrizione di divorzio

 

Trascrizione di divorzio

Per ottenere la trascrizione in Italia di una sentenza di divorzio pronunciata in Australia, occorre anticipare la richiesta tramite l'apposito modulo elettronico, allegando:

  1. richiesta di trascrizione compilata e firmata;
  2. copia del proprio passaporto o documento d'identità equivalente, preferibilmente italiano;
  3. sentenza di divorzio in originale (Divorce Order o Decree Nisi of Dissolution of Marriage, entrambi rilasciati dalla WA Family Court), debitamente apostillata dall'Australian Department of Foreign Affairs e tradotta in italiano (traduttori di riferimento disponibili QUI). In linea generale, le apostìlles non devono essere tradotte, così come le traduzioni non devono essere apostillate. Gli originali dei certificati non possono essere restituiti ma devono essere conservati nel fascicolo di famiglia, nell'archivio del Consolato.

Nel caso di documentazione inviata in modo corretto e completo, secondo le istruzioni contenute anche nell'e-form, i richiedenti saranno contattati per concordare il giorno e l'orario in cui presentarsi in Consolato per consegnare l'intera documentazione già anticipata elettronicamente, da presentare solo ed esclusivamente in versione originale. Gli originali dei certificati non possono essere restituiti ma devono essere conservati nel fascicolo di famiglia, nell'archivio del Consolato. Non possono essere accettate copie di alcun genere.

Si sottolinea che il semplice certificate of divorce non è accettato dalle Autorità italiane.

Non esistono accordi per il riconoscimento automatico in Italia delle sentenze di divorzio emesse in Australia. Prima di procedere alla trascrizione, il Comune competente potrebbe pertanto richiedere la produzione di ulteriore documentazione.

CERTIFICATI DI PAESI TERZI

Per i certificati rilasciati da Paesi diversi dall'Australia, si suggerisce di ottenere le informazioni utili a perfezionarli (mediante apostìlle o legalizzazione, a seconda che lo Stato emittente abbia ratificato o meno la Convenzione de L'Aja del 1961), visitando il sito della Rappresentanza italiana competente per territorio.

Qualora i certificati siano accompagnati da traduzioni giurate (nel caso, ad esempio, di documenti rilasciati in Brasile) queste dovranno non solo essere apostillate ma recare ben chiara e leggibile la dicitura “traduzione conforme all’originale”, a cura dello stesso professionista che ha effettuato la traduzione, pena irricevibilità e restituzione di entrambi i documenti al richiedente, affinché questi provveda al loro perfezionamento.

 


Autore:

EM

149